mercoledì 17 ottobre 2007

5 - mi contemplo


...sono passati altri giorni
con pallide facce,intenzioni contorte
ed altre piccole e grandi cose
nel dimenticatoio delle notti silenti
- cose,cose,cose
e tanti passi a vuoto
carrozzine con infanti piagnucolosi
e donne dal seno prepotente
stupiti dalle vertigini dell’essere lì
in quel preciso momento
fra stelle,serpenti,annientamento
asteroidi,gnomi,elezioni...
ed io nel mezzo di tutto questo
Mi Contemplo
il corpo quasi nera nube
degli spazi immateriali
Silenzioso mostro
come un cambio di luna
impercettibile tra i vivi
ma felice di te,Mia Divina
Austero
confuso tra altri spermi
aspetto il momento giusto
per dischiudermi al Sogno
che desidero selvaggio
a spaccare le terrazze
della finta pace degli inferiori
con uno sboccio da dopocena
così,senza origine
eternamento avvitato
alla tua magnifica assenza
Mi Contemplo


...qualsiasi cosa,
qualsiasi cosa
una qualsiasi cosa...

7 commenti:

Giulia ha detto...

Son curiosa, perché questo cambiamento?
Felice di risentirti,
felici giornate e buon viaggio nel nuovo blog :)

Giuseppe Iannozzi ha detto...

Hai cambiato casa per l'ennesima volta.
Mi fai rischiare di diventare cannibale. :-) Vuoi forse che ti sbrani? Così dopo non avrai più modo di contemplarti.

Ben ritrovato. Ti aggiorno. Mannaggia a te quanto mi dai da fare. :-)

Cari abbracci,

Beppe

dawoR*** ha detto...

beppe*: a proposito di cannibali - mi è rimasta molto impressa la frase del cannibale di rotenburg che hai riportato sul tuo blog

giulia*: avevo bisogno di marcare con più forza il mio distacco dalla realtà circostante (o sovrastante?) e poi ho scoperto quant'è bello e riposante il nero

:) dawoR***

ilMaLe ha detto...

A contemplarsi troppo si rischia per passare per narcisisti cronici.
Ma.Le.

daphned ha detto...

che dire? ..merci.

dawoR*** ha detto...

merci a te per la gentile visita :) dawoR***

iggy ha detto...

t'ho linkato, così impari.